05 Apr 20

ONE MORE COYOTE

Domenica 5 aprile 2020 ore 17.30

ONE MORE COYOTE

Natalie Peters: voce
Natacha Muslera: voce
Guy Bettini: cornetta
Michel Doneda: sassofoni

Incontro tra due voci femminili e due fiati maschili. One More Coyote segna il raddoppio del duo originale Coyote, rito sonoro con la voce di Natacha Muslera e i sassofoni di Michel Doneda, la cui prima risale al maggio 1974 in una galleria d’arte di New York, Coyote è un’esperienza d’ascolto e di spazi, che rimanda ciascuno dei membri alla libertà personale di vivere l’arte, in presenza di spazi udibili e non, visibili e invisibili, esistenziali, che si rivelano, si aprono, si condividono durante un rito sonoro improvvisato. Il duo Peters / Bettini nasce a Berlino nel 2001, da allora hanno incontrato molti musicisti sotto l’etichetta “One More”, per citare i più conosciuti; Joelle Léandre, Silvia Bolognesi, Barre Phillips, Urs Leimgruber, Christian Wolfarth, Gerry Hemingway, Paul Lovens… e alcuni di questi incontri hanno generato dei nuovi progetti stabili, come ad esempio con Sebi Tramontana o con Sara Käser (NUN).

Natacha Muslera (voce). Il linguaggio e la voce sono il suo ambito di lavoro. Dagli anni ’90, dopo studi a Parigi e soggiorni a Mumbai, Natacha Muslera ha sviluppato la propria ricerca nel campo della musica sperimentale, della poesia sonora e delle arti plastiche con parecchie formazioni (Natïmbalès, Asa Nisi Masa, Tsikamoï). Nello specifico si interessa al coro, realizzandone nella pratica diversi, senza solista e gruppo: Choeur in situ, Choeur terrain vague, Choeur presocratique e altri. Dal 2000 pratica l’improvvisazione libera e la musica Noise e collabora con artisti di grande levatura quali Michel Doneda, Cécil Duval, Aude Romary e Floy Krouchi. Grazie a laboratori musicali e workshop in giro per il mondo, la sua ricerca ha raggiunto livelli molto elevati. Ora vive in Francia e in molti altri paesi non solo europei.

Natalie Peters (voce), ha iniziato la sua carriera quale attrice di teatro e di cinema sperimentale. L’incontro con Guy Bettini ha cambiato il suo indirizzo, portandola a sviluppare la propria vocalità tanto in ambito recitativo che sonoro, trasformandola a tutti gli effetti in uno strumento musicale, superando ogni barriera stilistica. Ha diviso il palco con musicisti del calibro di Urs Leimgruber, Achille Succi, Sara Käser, Lino Blöchlinger e Paul Lovens, con i ballerini Gyohai Zaitsu e Flavia Ghisalberti. Nel 2014 si è diplomata ad Heidelberg nel metodo Feldenkreis, con la tesi “Scopri la voce – un percorso verso la musica improvvisata”. Natalie Peters conduce a Locarno il proprio gruppo vocale (Diving with the Divas), indagando come l’espressione musicale spontanea possa trasformarsi in improvvisazioni particolarmente creative e consapevoli.

Michel Doneda (1954), maestro del sassofono soprano, ha sviluppato sullo strumento un
vocabolario musicale tra i più ricchi in assoluto, muovendosi già negli anni ottanta dal Jazz
mainstream verso i lidi dell’improvvisazione. Il suo modo di suonare può passare con estrema facilità dai toni lirici a moti “ruvidi”, dalla vitalità della musica da strada al minimalismo free, grazie al mirabile uso della respirazione circolare. Nel corso degli anni ha collaborato in modo costante, da un lato con Benat Achiary e dall’altro con Didier Masmalet e Steve Robbins, con i quali ha formato il trio “Hic et nunc”. Oltre all’attività di musicista vanta esperienze teatrali per “L’institut de recherches et d’échanges artistiques” e collaborazioni con artisti di strada e poeti. Ha inciso il suo primo lavoro, con Phil Wachsmann, nel 1985 per la prestigiosa casa discografica Nato, dopo un fortunato tour con Louis Scalvis. Questo gli ha aperto le porte di tutta Europa e più tardi dell’America e del Canada e non si contano le sue incisioni per la FMP, la Victo e altre prestigiose label. Tra le sue collaborazioni spiccano i nomi di Fred Frith, Barre Phillips, Alain Joule e il poeta Serge Pey.

Guy Bettini, cornettista ticinese dopo l’Accademia di belle arti di Milano ha studiato a Berlino e nei dodici anni trascorsi nella capitale tedesca ha suonato con i massimi esponenti dell’improvvisazione europea, collaborazioni che hanno anche dato vita a importanti progetti e tournée internazionali. Co-fondatore dell’”Echtzeitmusik” di Berlino, ha collaborato con Olaf Rupp, Peter Kowald, George Lewis, Tony Buck, Paul Lovens, è stato membro dell’Ensemble di Joëlle Léandre, partecipando a numerosi festival internazionali. Ha ottenuto il primo premio al “Festival infernale” di Berlino. Nel 2000 ha vinto “the support” nella sezione jazz del “Berlin Senate”. Ha lavorato con DJ Orlow e con il trio d&b “Human Sampler”. Ha presentato una sua composizione al Festival Jazz di Chiasso nel 2005 e creato il gruppo “Freenology” con Sonny Simmons, Paul Lovens e Clayton Thomas, con concerti in tutta Europa. Oltre che del duo One More, tournee svizzera con Alex von Schlippenbach, duo con Urs Leimgruber, trio con Sebi Tramontana e Natalie Peters, del quartetto EXODOS con Gerry Hemingway, Luca Sisera e Fabio Martini e del trio XOL con Francesco Miccolis e Luca Pissavini, che nel 2015 ha ospitato in una tournee europea Peter Brötzmann e nel 2016 Harri Sjöström. Fondatore e direttore dell’Ensemble “Sous-sol”, che da nove anni è il punto fermo delle attività proposte dal CircoRu. Ha inoltre suonato con Barre Phillips, Michel Doneda, Werner Lüdi, Frank Gratkowski, Gianni Gebbia, Roger Turner, Silvia Bolognesi, Achille Succi e molti altri.

Spazio ELLE
Piazza G.Pedrazzini 12 6600 Locarno
079 4418637 info@circoru.org
www.ellelocarno.ch

il biglietto costa 15.- sfr
Studenti, AVS e membri CircoRu e dello Spazio Elle 10.- sfr
Studenti membri CircoRu o Spazio Elle 5.- sfr

Con il sostegno finanziario di Prohelvetia,
SWISSLOS ticino, Oertli Stiftung ,
Percento Culturale Migros, Ernst Göhner Stiftung, Città di Locarno

Messaggio

La vostra email non sara mai pubblicata o condivisa con terzi. Required fields are marked *

*
*