03 Mar 19

MUSICA NEL PRESENTE, DIBATTITO

Domenica 3 marzo MUSICA NEL PRESENTE

ore 14.00 TAVOLA ROTONDA, DIBATTITO

Con: Giancarlo Schiaffini, Walter Prati, Alessandro De Rosa, Guy Bettini

Nell’ambito delle attività previste dall’Associazione Culturale CircoRu si intende promuovere una tavola
rotonda allo spazio Culturale Panelle a Locarno domenica 3 marzo 2019 alle ore 14.00, prima del
concerto d’esordio del Festival di Musica Improvvisata e Contemporanea edizione primavera 2019, dal
titolo significativo e ambizioso “La musica nel presente”. Il presente (dal latino “presum” pre=innanzi,
davanti, anticipo // sum= sono, essere), quindi essere davanti, essere innanzi, essere in anticipo. Una
musica che nasce dentro il presente, una musica cui ci troviamo dinnanzi nel momento che diviene
musica. Il presente diventa il pre sente, cioè sente in anticipo! Dunque una musica che viene sentita
prima di nascere. Si pensa al compositore chino sullo spartito, che sente la musica, che tradurrà poi in
segni grafici oppure il musicista improvvisatore che nell’istante sente e poi produce dei suoni.
La percezione anticipata la possiamo chiamare intuizione, che arriva sempre un attimo prima della
traduzione in forma da parte della ragione. Un esempio: la musica intuitiva di Karlheinz Stockhausen:
musica che mira a rendere udibili le esperienze e le modalità di esperienze pre-razionali e che, a causa
di questo obiettivo, elude ad una classificazione nelle categorie tradizionali. La musica nel presente é
svincolata dai legami con il passato e non cade nelle aspettative future, una musica dell’adesso, del qui
ed ora, che sboccia grazie alla pioggia dell’intuizione sull’humus delle esperienze personali.

Alla tavola rotonda interverranno:

Giancarlo Schiaffini, musicista (trombone) e scienziato, che ha pubblicato tre volumi su diversi aspetti del fare e recepire la musica. Nato a Roma nel 1942, si è laureato in fisica
presso l’Università di Roma nel 1965. Autodidatta in musica, ha partecipato alle prime esperienze di free-jazz in Italia negli anni ’60. In quel periodo ha cominciato la sua attività di
compositore ed esecutore nel campo della musica contemporanea e del jazz. Nel 1970 ha studiato a Darmstadt con Stockhausen, Ligeti e Globokar e ha fondato il gruppo
strumentale da camera Nuove Forme Sonore. Nel 1972 ha studiato musica elettronica con Franco Evangelisti, collaborando con il Gruppo di Improvvisazione di Nuova Consonanza
fino al 1983. Nel 1975 ha fondato il Gruppo Romano di Ottoni, con repertorio di musica rinascimentale e contemporanea. Fa parte della Italian Instabile Orchestra. Ha tenuto corsi e
seminari in Italia, presso la Hochschule di Freiburg i. B., Melba e Monash University (Melbourne) e la New York University. Ha insegnato presso i conservatori “G. Rossini” di Pesaro,
“A. Casella” dell’Aquila e nei corsi estivi di Siena Jazz (strumento, improvvisazione, composizione). Ha inoltre collaborato con John Cage, Karole Armitage, Luigi Nono e Giacinto
Scelsi. Ha partecipato, come compositore ed esecutore, a numerosi festival e stagioni concertistiche presso, tra gli altri: Teatro alla Scala, Accademia di S. Cecilia, Biennale Musica di
Venezia, Autunno Musicale di Como, IRCAM, Upic e Festival d’Automne di Parigi, Reina Soa di Madrid, Ars Musica di Bruxelles, Europa jazz Festival du Mans, Jazz a Mulhouse,
Tramway (Rouen), Wien Modern, Aspekte di Salisburgo, Donaueschinger Musiktage, Moers, Tage fuer Neue Musik di Zurigo, Fondazione Gulbenkian di Lisbona, Alte Oper di
Francoforte, Filarmonica di Berlino, Festival di Gibellina, FIMAV di Victoriaville (Canada), Nuova Consonanza, Bimhuis di Amsterdam, JazzYatra (India), Darmstadter Ferienkurse,
Pomeriggi Musicali e Musica del nostro tempo (Milano), UNEAC di Cuba, Maggio Musicale Fiorentino, Lincoln Center e Hunter College (New York), New Music Concerts di Toronto.
Dal 1988 collabora con la cantante e autrice di testi Silvia Schiavoni per la composizione ed esecuzione di performances multimediali originali e su letteratura, pittura (Joyce,
Gauguin, Ibsen, Boccioni, Ammaniti e altri), con immagini di Ilaria Schiani. Nel 2000 è stato Composer in Residence presso l’”International Composers & Improvisers Forum
Munich”. Ha registrato per le radio nazionali in Italia, Austria, Canada, Olanda, Messico, Germania, Francia, Svezia, Spagna. Sono state a lui dedicate composizioni da numerosi
autori come Scelsi, Nono, Alandia, Amman, Castagnoli, Dashow, Guaccero, Laneri, Mencherini, Renosto, Ricci, Villa-Rojo. Ha inciso dischi per BMG, Curci, Cramps, Edipan, Horo, Hat
Records, Pentaowers, Pentaphon, Red Records, Ricordi, Vedette. BMG, Curci, Edipan, Pentaowers, Ricordi hanno pubblicato sue composizioni. Ha pubblicato per Ricordi un suo
trattato sulle tecniche del trombone nella musica contemporanea eper Auditorium Edizioni “E non chiamatelo jazz” sull’improvvisazione musicale, “Tragicommedia dell’ascolto” e
“Immaginare la musica” sulla composizione. A Giancarlo Schiani è stata dedicata una voce dalla Biographical Encyclopedia of Jazz (Oxford University Press) e dall’Enciclopedia
della Musica (Utet/Garzanti). www.giancarloschiaffini.com.

Walter Prati, compositore, violoncellista, performer elettronico, ha pure lui pubblicato un libro sulla musica Si è diplomato in composizione elettronica al conservatorio Giuseppe
Verdi di Milano nel 1981. Da allora divide la sua attività tra la creazione sonora (composizioni strumentali ed elettroniche, performances, improvvisazioni) e l’organizzazione
produttiva sia tecnologica che delle arti performative in generale.Compositore ed esecutore, svolge un’attività di ricerca musicale, da sempre orientata verso l’interazione fra
strumenti musicali tradizionali e nuovi strumenti elettronici, frutto dell’applicazione informatica al mondo musicale. Questo percorso lo ha portato - già nel 1987 presso il Centro di
Sonologia Computazionale dell’Università di Padova - a utilizzare il “sistema 4i”, uno dei primi elaboratori per la sintesi e la trasformazione del suono in tempo reale. Da questa
esperienza sono nate, in collaborazione con Mauro Graziani, “Aquam are in media labia tua” (per trombone e 4i) e Combinazioni approssimate di tempo indenito (per trombone,
sax e 4i), presentate alla Biennale Musica di Venezia nel 1988. Dal 1990, con lo studio MM&T di Milano, fondato insieme ad altri compositori, ha prodotto progetti di ricerca sulla
musica e lo spettacolo in genere. Le sue composizioni sono presenti in Italia nei cartelloni dei maggiori teatri e rassegne musicali (Teatro alla Scala, Musica Presente, Musica per la
Resistenza, Colloqui di informatica musicale, Biennale Musica Venezia. Triennale di Colonia, Contemporary Music festival di Hudderseld, CCA di Glasgow, Akademie der Kunste di
Berlino). Come sound designer ha realizzato diverse installazioni, collaborando, tra gli altri, con Fabio Novembre, Angelo Jelmini, Steve McCurry, Peter Bottazzi e Attilio Stocchi e
con numerosi festival europei (Total Music Meeting di Berlino, Musique Actuelle a Nancy, Festival di Cuenca in Spagna, EMS Festival di Stoccolma; e ancora ad Aachen, Nickelsdorf,
Bochum), eseguite da artisti del calibro di Antonio Ballista, Anna Maria Morini, Giancarlo Schiani, Evan Parker, Maurizio Ben Omar, Elena Casoli. Signicative le collaborazioni con
Paul Lytton, Berry Guy, con il chitarrista americano Thurston Moore (componente del gruppo Sonic Youth) e con il cantante inglese Robert Wyatt. È’ presente, tra l’altro, al Teatro alla
Scala, Milano Musica, triennale di Colonia, Contemporary Music festival di Hudderseld, CCA di Glasgow, Akademie der Kunste di Berlino. Come sound designer ha realizzato diverse
installazioni, collaborando, tra gli altri, con Fabio Novembre, Angelo Jelmini, Steve McCurry, Peter Bottazzi e Attilio Stocchi. Di rilievo la collaborazione, sin dal principio degli anni
ottanta con il compositore e strumentista Giancarlo Schiani, con il quale ha composto e suonato in diverse installazioni sonore e teatrali. In duo con il percussionista Maurizio Ben
Omar ha sviluppato a partire dal 1990 una duplice attività, di interprete (per il duo hanno scritto autori come Melchiorre, Schiani, Einaudi, Gorli, Bussotti, Aralla) e compositoreesecutore
di musiche per il teatro, partecipando in entrambi i casi a festival e rassegne concertistiche in Italia e all’estero. È presidente dell’associazione MMT Creative Lab che dalla
ne degli anni ‘80 promuove la ricerca musicale elettronica. Ha inciso per Ricordi, BMG Ariola, Pentaowers, Auditorium edizioni, ECM Records. Attualmente insegna musica
elettronica al conservatorio di Como e tiene corsi di Sound Design allo IED Milano e Storia della Musica Elettroacustica alla Scuola Civica di Musica Claudio Abbado di Milano.
www.walterprati.it

Alessandro De Rosa, (Milano, 1985) ha iniziato lo studio della composizione su consiglio di Ennio Morricone. Ha studiato con Boris Porena per diplomarsi poi in Olanda, al
Conservatorio Reale dell’Aja. Ha collaborato come compositore e arrangiatore con Jon Anderson degli Yes. Con Ennio Morricone è autore del libro “Ennio Morricone – Inseguendo
quel suono. La mia musica, la mia vita. Conversazioni con Alessandro De Rosa” (Mondadori Libri, 2016). Attualmente continua la sua attività musicale come libero professionista,
lavorando parallelamente come autore e speaker radiofonico per la Radiotelevisione Svizzera di Lingua Italiana (RSI) www.alessandroderosa.com/it_IT/ .

Coordinatore e ideatore dell’evento, sotto il cappello del M.I.C. è Guy Bettini, compositore, improvvisatore e trombettista, cornettista ticinese. Ha dapprima studiato all’Accademia
di belle arti di Milano, ed ha fatto il master da Luciano Fabro, storia della musica, da Luigi Pestalozza, storia dell’arte da Giovanni Maria Accame, filosofia da Francesco Leonetti e
lettere con Roberto Sanesi. Ha in seguito studiato a Berlino e nei dodici anni trascorsi nella capitale tedesca ha suonato con i massimi esponenti dell’improvvisazione europea,
collaborazioni che hanno anche dato vita a importanti progetti e tournée internazionali. Co-fondatore dell’”Echtzeitmusik”, ha collaborato con Olaf Rupp, Peter Kowald, George
Lewis, Tony Buck, Paul Lovens., è stato membro delEnsemble di joëlle Léandre, partecipando a numerosi festival internazionali, della “Margerete’s Zimmer” con con M.Huber Sop e
Davide De Bernardi. Ha ottenuto il primo premio al “Festival infernale” di Berlino. Nel 2000 ha vinto the support nella sezione jazz del “Berlin Senate”. Ha lavorato con DJ Orlow e con
il trio d&b “Human Sampler”. Ha presentato una sua composizione al Festival Jazz di Chiasso nel 2005 e creato il gruppo “Freenology” con Sonny Simmons, Paul Lovens e Clayton
Thomas, con concerti in tutta Europa. Attualmente è membro del Quartetto di Alex von Schlippenbach, del duo con Urs Leimgruber, del trio con Sebi Tramontana e Natalie Peters,
del quartetto EXODOS con Gerry Hemingway, Luca Sisera e Fabio Martini e del trio XOL con Francesco Miccolis e Luca Pissavini, che nel 2015 ha ospitato in una tournee europea
Peter Brötzmann e nel 2016 Harri Sjöström. Fondatore e direttore dell’Ensemble “Sous-sol”, che da otto anni è il punto fermo delle attività proposte dal CircoRu. Il gruppo studia e
approfondisce l’improvvisazione per formazioni allargate, con l’intento, senza direttore e in assenza di strutture o di percorsi concettuali predefiniti, di suonare una musica creativa,
differenziata e sensibile. Ogni concerto diviene così un’esperienza unica e irripetibile, sempre molto apprezzata dal pubblico. Bettini, a partire dal 2010, ha organizzato seminari per
l’Ensemble Sous-sol con musicisti di grande spessore quali Barre Phillips, Joelle Léandre, Alexander von Schlippenbach, Paul Lovens, Urs Leimgruber, Michel Doneda e Gerry
Hemingway. Ha inoltre suonato con Barre Phillips, Michel Doneda, Werner Lüdi, Frank Gratkowski, Gianni Gebbia, Roger Turner, Silvia Bolognesi, Achille Succi e molti altri.
Fondatore dell’Associazione Culturale CircoRu, dal novembre 2013 propone a scadenza semestrale il festival di musica improvvisata e contemporanea con artisti di fama mondiale.
www.musicians.allaboutjazz.com/guybettini

Spazio Culturale Panelle 10
via panelle 10 6600 Locarno
079 4418637 info@circoru.org
www.circoru.org

il biglietto costa 5.- sfr con concerto 20.- sfr
studenti, AVS e membri CircoRu 0.-sfr con concerto 10.- sfr
studenti membri CircoRu 0- sfr con concerto 5.- sfr

Con il sostegno finanziario di Prohelvetia,
SWISSLOS ticino, Oertli Stiftung ,
Percento Culturale Migros, Città di Locarno

Messaggio

La vostra email non sara mai pubblicata o condivisa con terzi. Required fields are marked *

*
*